Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Artigianato » Mestieri d'arte» Legno
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Legno


Tra le più fiorenti attività della Firenze del ‘300 risulta la lavorazione del legno. I carichi di legname, provenienti dall’Appennino erano trasportati sui carri oppure via fiume e scaricati sul porto, nella Piazza detta “delle Travi”, oggi Piazza Mentana. La lavorazione artistica del legno, l’intaglio e la tarsia si sviluppano verso la metà del ‘400 e negli anni 70 di quel secolo raggiungono i più alti livelli di lavorazione artistica. Nello stesso periodo si contano 84 opifici di legnaioli. Le tecniche più in uso furono l’intaglio e il rilievo, usato per decorare, le decorazioni a stucco, la doratura ad acqua e ad olio. Nel ‘500 predomina l’intaglio e per tutto il ‘600 la manifattura medicea introduce nel Casino di San Marco, motivi di ornati geometrici e figurazioni pittoriche in pietre dure nella decorazione degli stipi o studioli e lo stile fu chiamato “alla fiorentina”.

     
    twitterfacebookyoutube

    città di firenze
    Comune di Firenze
    Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
    50122 FIRENZE
    P.IVA 01307110484

    Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006