Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » Artigianato » Mestieri d'arte» Metalli preziosi
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Metalli preziosi


Nel ‘300 la presenza degli orafi a Firenze è testimoniata degli Statuti dell’Arte di Por Santa Maria o Arte della Seta perché monili, cinture, fasce e bottoni erano considerati strettamente legati all’abbigliamento. L’oreficeria sacra (reliquie, arredi sacri) resta la testimonianza maggiore del patrimonio orafo dei secoli passati.
Nel XVI secolo Benvenuto Cellini nel trattato Dell’oreficeria descrive alcune tra le più importanti tecniche orafe in uso a Firenze.
Le botteghe degli orafi e argentieri sperimentano sapientemente nuovi stili e fondono la tradizione locale con le proposte giunte dai maggiori maestri del nord Europa. A partire dalla fine del ‘500 si decide di concentrare le maestranze dell’arte in un’unica zona della città controllata e ben circoscritta. Artisti e artigiani stabiliscono sul Ponte Vecchio, negli spazi prima destinati alle botteghe  dei beccai (macellai). Con l’avvento del Barocco, lo stile si arricchisce di nuovi modelli testimoniati dal tesoro Mediceo conservato al Museo degli Argenti. A partire dal ‘700 la produzione fiorentina si livella a quella italiana, pur sempre mantenendo la caratteristica semplicità.

Ancora oggi alcuni esempi di prodotti in stile fiorentino vengono diffusi in tutto il mondo: oggetti moderni, riproduzioni di oggetti rinascimentali, seicenteschi e ottocenteschi costruiti con le antiche tecniche del cesello, dell’incisione, dello sbalzo, della filigrana, del bulino, della filiera, del tribulè ecc. In alcune botteghe di argentieri è ancora largamente diffuso l’utilizzo dei vecchi strumenti e tecniche.
Accanto alla produzione classica orafa e argentiera, le realizzazioni fiorentine si stanno recentemente evolvendo in due distinti filoni: il primo legato alla tradizione, gioielli in stile rinascimentale, il secondo proiettato nella modernità, con forme dal design innovativo e inconsueto, spesso mediante l’accostamento di materiali diversi e apparentemente incompatibili; ecco che l’oro si fonde con il legno, con la gomma, con lo smalto dando vita a realizzazioni di grande impatto e modernità.

     
    twitterfacebookyoutube

    città di firenze
    Comune di Firenze
    Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
    50122 FIRENZE
    P.IVA 01307110484

    Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006